Articoli principali

19 ottobre 2010

Tutte le cose dell’universo perfettamente in scala tra loro

Come avevamo già detto tempo fa, mettere in relazione le dimensioni delle cose è un compito piuttosto difficile per la nostra immaginazione. Forse voi siete più allenati, ma per me tutte le cose che vanno oltre la soglia del molto molto grande o del molto molto piccolo, sono tutte un po’ grandi uguali.

Su internet c’è un oggetto interattivo che vi aiuterà a fare un po’ di chiarezza, oltre ad intrattenervi con qualche nozione curiosa. Per dire: le cose successe oltre i 140 yottametri non le possiamo vedere perché sono talmente lontane che la loro luce non ha ancora fatto in tempo a raggiungerci. Si chiama The Scale of the Universe ed è un progetto di Cary e Michael Huang.

18 ottobre 2010

Ho trovato la web radio perfetta

Per prima cosa potreste andare qui e cliccare su “listen now”, che se va bene avete la colonna sonora all’articolo, se invece non è roba potete passare subito ad altro. C’è da dire che All Songs 24/7 Music Channel non è una web radio qualsiasi: l’emittente è la National Public Radio (NPR) statunitense, famosa per l’alta qualità dei suoi programmi culturali, e il canale di cui vi sto parlando oggi è solo l’ultima evoluzione di una delle trasmissioni di maggior successo della NPR, ossia All Things Considered. Il programma, dedicato alle news del giorno e all’approfondimento di tematiche pop, è tra quelli più seguiti e amati dal pubblico negli Stati Uniti. Continua a leggere

15 ottobre 2010

Sette cose che possiamo smettere di fotografare

The Oatmeal è un sito che pubblica vignette abbastanza argute. Lo stile con cui Matthew Inman le disegna a me non piace per niente, ma passiamoci sopra. Dopo alcuni grandi successi da oltre ventimila condivisioni su Facebook (come questo e questo), ecco sette cose che possiamo smettere di fotografare. Le mie tre preferite sono dopo il salto, tutte le altre qui. Continua a leggere

14 ottobre 2010

106 cose interessanti in giro per internet

L’oggetto che trovate dopo il continua a leggere arriva dal Google Creative Lab, che ammetto di non sapere esattamente cosa sia. So che i dipendenti di Google hanno un 10% del loro tempo lavorativo a disposizione per sviluppare idee proprie, e posso sospettare che parte di quei progetti finiscano nel Google Creative Lab, ma potrei star dicendo un’idiozia — anzi, se qualcuno lo sa me lo dica. Comunque: qua sotto trovate un Google doc impaginato malissimo intitolato the world is full of interesting things in cui “mondo” sta per “internet”, e a questo punto direi che avete capito di che si tratti. Le cose interessanti sono divise in categorie (audio, video, tech, sport, ecc) e, nonostate parecchie abbiano già girato molto, ce ne sono decine che non avevo mai incrociato. Divertitevi. Continua a leggere

8 ottobre 2010

Finalmente un archivio di copertine ben organizzato

Ho scoperto ieri un nuovo sito che raccoglie copertine di libri. Lo segnalo perché questo archivio non è uno dei soliti confusionari e acritici siti che raccolgono copertine di libri. È un sito che si presenta bene ed è organizzato ancora meglio: è possibile consultare la collezione per art director, per carattere tipografico utilizzato, per scrittore, per genere letterario e per molti altri filtri di ricerca.

Ovviamente questo significa che i libri sono ben categorizzati fin dal principio, quindi anche se decidessimo di navigare casualmente attraverso la collezione potremmo poi sceglierne uno e scoprirne tutti i dettagli, oltre che commentare e andare dritti su Amazon. — Via Finzioni Magazine

8 ottobre 2010

Due parole sul redesign del marchio Gap

Molti hanno già parlato del restyling del marchio Gap e, nonostante abbia deciso di astenermi dallo scrivere un commento sul logo, sono stato obbligato a notare due cose dalle dimensioni sconvolgenti che sta prendendo la polemica.

Primo, se è vero il principio che l’importante è far parlare, ora abbiamo la conferma che un brand già noto ha la possibilità di raddoppiare — eufemismo — la propria popolarità a costo zero, inventandosi un rebranding e lasciare la comunità sconfinata di designer, aspiranti grafici e creativi in genere a fare tutto il lavoro per loro Continua a leggere


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS