Articoli principali

26 gennaio 2010

La prima cosa bella

Se avete voglia di uscire soddisfatti e sorridenti da un cinema — e se Avatar l’avete già visto — andate a vedere La prima cosa bella di Paolo Virzì. Il regista, già autore di ottime commedie come Ferie d’Agosto, My name is Tanino e, ovviamente, Ovosodo, sembra davvero essere l’ultimo alfiere della commedia all’italiana, o almeno il più capace.

A differenza di molti altri suoi film, impegnati com’erano a raccontare e analizzare categorie — stereotipi italiani, sia in quanto personaggi che tematiche — nel suo ultimo lavoro Virzì si limita, per così dire, a raccontare una storia. Quella del difficile rapporto di due figli con la loro madre bella e profondamente naïve. Continua a leggere

25 gennaio 2010

Text Vimeo

ASCIImeoPeter Nitsch ha completato recentemente il progetto ASCIImeo, un sito che può trasformare in tempo reale un video di Vimeo in una sequenza di caratteri monospazio. Le composizioni di testo riescono ad avvicinarsi molto al video originale grazie ad algoritmi informatici perfezionati dallo stesso Nitsch. È più facile da utilizzare che da descrivere quindi vi invito a provare subito con questo video (qui l’originale per confronto).

Sebbene ci siano tre modalità disponibili posso assicurare che con la block mode a schermo pieno vivrete un’esperienza di pura delizia cromatica. Se invece preferite qualcosa di più figurativo potete provare con questo (qui l’originale su Vimeo). Al di là delle preferenze il progetto di Nitsch non è nulla di così nuovo, ma credo abbia le potenzialità per qualche esperimento visivo che vada oltre lo stupore rétro della prima volta.

20 gennaio 2010

Wild Palms

Wild Palms Quando li vidi suonare per la prima volta, un pomeriggio dello scorso settembre al meraviglioso Offset Festival, i Wild Palms non mi avevano impressionato particolarmente. Avevo pensato che di band del genere ne avevo viste e sentite tante, e tante del genere ne avrei viste e sentite ancora.

Ma nel marasma di gruppi e la confusione di quei giorni di festival non ero riuscito a cogliere quello che di importante ci fosse e che è ciò che davvero innalza una band al di sopra di tante altre che le stanno a fianco: un’attitudine cristallina. Continua a leggere

19 gennaio 2010

Gli Anni Zero

Gli Anni ZeroEdito da ISBN Edizioni e curato dal direttore di Rolling Stone Carlo Antonelli, Gli anni zero — Almanacco del decennio condensato ha un’ambizione ambiziosa: raccontare l’ultimo decennio in 330 pagine di saggi, interviste e brevi contenuti a carattere più strettamente informativo/giornalistico. La missione non può ovviamente considerarsi interamente compiuta, ma è evidente come non fosse e non potesse essere questo l’obiettivo. L’obiettivo mirato e centrato è invece quello d’aver costruito un percorso — diviso in quattro parti: Armageddon, Risiko, Shopping, Storytelling — di letture (più o meno) interessanti, dense di spunti che riescono a portare il lettore a imparare e riflettere osservando da lontano fenomeni nebbiosi o frammentati come il decennio in cui hanno avuto luogo. Continua a leggere

14 gennaio 2010

Burberry per Colette

senza-titolo-13Scusate se insisto su questi due. Ma se Christopher Bailey reinterpreta il meraviglioso trench coat, in esclusiva per Colette, non posso non parlarne. Si tratta di un’edizione limitata ovviamente, in vendita da Colette a Parigi tra il 22 e il 27 febbraio, che peraltro non sarà in nessun modo economica: 1995 euro il modello corto, e 2495 quello lungo.

È un po’ fuori portata, lo so, ma sinceramente ne sono anche un po’ contenta perché così si è guadagnato una giornata di gloria, senza dover competere con gli altri tre oggetti settimanali. Tutto questo per dire che non so voi, ma io ci sto lasciando il cuore. E che quando ho visto che all’interno, sull’etichetta, è riportata la dicitura “Burberry exclusive for Colette” ho cercato un low cost per Parigi. Per fortuna era pronta la cena.

13 gennaio 2010

Netmage 10

Il prossimo weekend a Bologna, per la precisione giovedì 21, venerdì 22 e sabato 23 gennaio, si svolge la decima edizione del media-art festival Netmage, curato dal collettivo/network Xing. Questa edizione del festival, che da anni si occupa impeccabilmente di portare in Italia alcune tra le più interessanti novità internazionali nell’ ambito dell’arte audio-visuale, perfomativa e della musica elettronica dal vivo, avrà luogo all’interno dei locali di Palazzo Re Enzo, in Piazza Nettuno. Continua a leggere


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS