Articoli principali

3 novembre 2009

Krysař di Jiří Barta

KrysarSe Jan Svankmajer si è giustamente guadagnato il ruolo di star assoluta di quell’universo che in maniera superficiale potremmo definire stop motion inquietante, diventando quindi sia discretamente famoso sia uno dei migliori riferimenti che un indie possa usare per affermare la propria superiorità culturale sulle masse incolte, è un peccato che una sorte nemmeno lontanamente simile non sia toccata a Jiří Barta, cecoslovacco anch’egli, e al suo capolovoro Krysař. Continua a leggere

2 novembre 2009

The Yes Men Fix the World

The Yes Men Fix the WorldAndy Nichlbaum e Mike Bonanno (gli acari giganti qui sopra) sono gli Yes Men, due bugiardi di quelli buoni. La loro specialità è quella di tendere trappole alle aziende multinazionali fingendosi loro rappresentanti in occasioni pubbliche per tirare fuori gli scheletri dai loro armadi e metterli alla pubblica berlina. L’esilarante The Yes Men Fix The World raccoglie le migliori imprese del duo più temuto dai grandi dell’industria mondiale. Continua a leggere

30 ottobre 2009

Stuck in the background

Miranda JulySull’ultimo numero di Vice è stato pubblicato un servizio fotografico di Miranda JulyRoe Ethridge. Miranda July è sia ideatrice che protagonista e, come sempre, riesce bene in entrambi i ruoli.

L’idea è semplice: partendo da fotogrammi di film famosi (come Grease e il Padrino) hanno isolato un personaggio in secondo piano, una comparsa, e lo hanno ricostruito in studio conferendogli la massima importanza. Le altre fotografie dopo il salto. Continua a leggere

29 ottobre 2009

Gen Kay

meravigliosaVi dico subito che le sue foto appaiono su Vogue, Harper’s Bazar e Nylon, tutto per altro edizione Japan e Australia. Con questa premessa spero sia chiaro che stiamo parlando di una ragazza piuttosto speciale, soprattutto perché tutto questo succedeva già prima di compiere trent’anni. Continua a leggere

28 ottobre 2009

Iori’s Eyes

Get Flash to see this player.

Degli Iori’s Eyes so davvero poco. So solo che sono di Milano e l’altro giorno capitando su Rockit ho trovato questo video intitolato “The Boat” e mi è piaciuto un sacco. Venerdì sera suonano qui a Pesaro dalla Cira, un posto dove ho passato un numero spropositato di serate la scorsa estate ed io per forza di cose non me li perderò e li conoscerò di persona. Oltretutto leggendo questa recensione ho anche scoperto che il loro primo ep And everything fits in the yellow whale conta la produzione artistica di un amico, Federico Dragogna dei Ministri. Bello. — Via

Qui sotto “As Always” suonata dal vivo in acustico:

27 ottobre 2009

White collar

White collarNeal Caffrey (interpretato da questo bel giovane qua sopra che risponde al nome di Matthew Bomer, già attore in Chuck nei panni di Bruce Larkin) è un truffatore. Pro: è intelligente, perspicace, affascinante, colto, atletico e con un lodevole senso dell’umorismo. Contro: è in carcere da quasi quattro anni.

L’episodio pilota si apre con un suo tentativo di fuga, con in mente l’obiettivo unico di raggiungere la donna della sua vita che, giustamente delusa dalla sua disdicevole truffaldineria, gli ha comunicato che non sarà ad aspettarlo fuori dal carcere quando verrà rilasciato. Riuscito ad evadere ma arrivato troppo tardi a casa della sua ex, già svanita nel nulla, Neal si lascia arrestare per la seconda volta, e dallo stesso detective dell’FBI che era riuscito a prenderlo la prima volta dopo tre anni di inseguimenti: Peter Burke (Tim DeKay), agente federale che dà troppo al suo lavoro e troppo poco a sua moglie (Tiffani Amber Thiessen, cioè Valery di Beverly Hills e, per me ancor di più, Kelly di Bayside School). Continua a leggere


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS