Articoli principali

18 dicembre 2009

Daniel Gordon

Daniel GordonDaniel Gordon è un giovane artista newyorkese che usa il collage per inventare ambienti tridimensionali. Niente di nuovo, ma il tocco di Daniel, inquietante e imperfetto, si differenzia dall’ondata di paper crafters degli ultimi tempi. Per costruire le sue opere stampa su carta immagini prese da internet (su alcune c’è ancora il watermark delle agenzie di stock photography) e le incolla in forme che sono una via di mezzo tra una scultura e un rendering da principiante. Un frankenstein contemporaneo — come si definisce lui stesso quando descrive il modo in cui assembla il materiale. Continua a leggere

18 dicembre 2009

Turquoise

TurcheseIl turchese, o più precisamente il Turquoise 15-5519, è stato nominato da Pantone il colore del 2010. L’azienda leader nella definizione degli standard cromatici si diverte già da diversi anni con questo giochetto: per il 2009 il giallo mimosa, per il 2008 il blue iris, per il 2007 il chili pepper. Per quest’anno sarà l’unione tra la tranquillità del blu e l’energia del verde? Il colore “della compassione e della verità ispirato dal cielo e dal mare”? Un colore che trasporta “in un eccitante paradiso tropicale mantenendo un senso di cura e protezione”? Continua a leggere

16 dicembre 2009

Sympathy For The Unusual

picccolaAll’inizio del 2009 i nostri amici di Polkadot hanno lanciato Sympathy For The Unusual, un brand italiano di abbigliamento che vede la collaborazione tra sei designer internazionali. Un’idea di indipendenza distinzione sta alla base del progetto, è la volontà di farsi riconoscere ed emergere. In questo le grafiche di Matt Joyce, Andy Smith, Rubens Cantuni, Ed Nacional, Unusual Design Movement e Lorena Vigil-Escalera sembrano aver centrato pienamente l’obiettivo.

Dopo le prime t-shirts per l’estate ormai passata (ma che comunque potete mettere sotto i maglioni, ed eventualmente comprare qui), non ci lasciano infreddolire. Ed ecco le felpe: quattro grafiche, quattro designer. Ai consolidati Rubens e Unusual Design Movement si affiancano due giovani designer. Il lookbook invernale lo trovate qui. Bello, e con modelli inusuali. Ah no, unusual.

16 dicembre 2009

Gentle Friendly

David e Daniel abitano a Londra, e non ho la minima idea di che cos’altro si occupino nella vita, oltre ad essere i meravigliosi Gentle Friendly. Un paio di singoli nei mesi scorsi per le super label underground di East London dell’ultimo biennio, No Pain In Pop e Upset the Rhythm. Campionamenti al posto giusto e un gran gusto melodico, sopra ritmiche asincrone e battiti martellanti. In più quell’aria divertita da “quasi tutto è successo per caso” a coronare il tutto in positivo. Non a caso fino a qualche tempo fa sulla loro pagina presenziava la frase, quasi una dichiarazione di intenti, «songs for found and stolen equipment».

E ora finalmente il primo e vero LP, intitolato significativamente Ride Slowly, da cui sono tratti questi due video, che riporto entrambi visto che nessuno è più «ufficiale» dell’altro, e nell’imbarazzo della scelta io non saprei quale postare.

9 dicembre 2009

Proxy

Di Pozharnov Yevgeny Alexandrovich non si sa molto, eppure da un paio d’anni abbondanti balliamo le sue divagazioni techno a nome PROXY in ogni dance club che si possa definire tale. Nel suo ultimo singolo 8000 (il video qui sopra) per Turbo Recordings campiona un sitar accompagnato da beat compressi in maniera pazzesca a dare vita ad una elegante suite techno-trance. Continua a leggere

7 dicembre 2009

Tony Manero

Tony ManeroSantiago del Cile, 1978. Il colpo di stato di Pinochet e l’uccisione di Allende sono fatti di cinque anni prima, l’atmosfera è quella di una qualsiasi città sotto dittatura: squallore, militari ovunque, esecuzioni per strada. Nomi come Neruda, Sepúlveda e Uribe sono costretti all’attività clandestina, le penne più rivoluzionarie del periodo confinate negli scantinati. Il giovane regista Pablo Larrain con Tony Manero, film vincitore del Torino Film Festival 2008, li celebra senza mai nominarli presentando l’emblema di quanto di più estremo e opposto si possa immaginare: Raúl Peralta. Continua a leggere


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS