Articoli principali

8 luglio 2011

Una macchina fotografica a metà tra Polaroid e digitale

Non è passato molto tempo dal mio articolo su Niklas Roy, ma ho scoperto che ha già pubblicato nuovi progetti e devo almeno parlarvi dell’Electronic Instant Camera, una via di mezzo tra una Polaroid e una fotocamera digitale. Il progetto, neanche a dirlo, è nato quasi casualmente: “avevo una stampante termica per scontrini e una piccola videocamera nel mio laboratorio, era ovvio che avrei dovuto mettere insieme le due cose.”

Le immagini registrate dalla camera, al contrario di come avviene generalmente con le macchine digitali, non vengono memorizzate ma sono stampate direttamente su un rullo di carta termica (quella degli scontrini). Per questo le stampe sono pezzi unici, una volta stampate non ci saranno più tracce dell’immagine digitale. Come vedete nel video il processo è molto lento, il soggetto deve stare in posa per quasi cinque minuti alterando inevitabilmente l’immagine finale con i suoi movimenti.

Nonostante abbia provato più volte a disintossicarmi, mi risulta difficile non essere attratto dal sapore di quelle immagini. È un linguaggio già visto, un ennesimo innamoramento del retrotech, ma l’autenticità del processo e la purezza meccanica del risultato finale rende tutto molto affascinante. Un effetto che concettualmente non si discosta troppo da quello delle macchine a foro stenopeico. Se qualcuno di voi avesse a portata di mano una stampante termica Niklas spiega come fare in casa la propria Electronic Instant Camera.

Vuoi condividere questo articolo?

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS