Articoli principali

20 settembre 2010

Stupidi quadratini!

Et voilà, un ottimo modo per buttare il vostro preziosissimo tempo in un gioco che vi farà pure innervosire. Vi ricordate la tensione estrema che si provava all’asilo con il gioco della sedia? Swarmation è peggio: tu sei un quadratino col bordo azzurro, i giocatori che sono connessi in quel momento sono gli altri quadratini. Si sceglie una squadra, se ce n’è più di una, e collaborando con gli altri si cerca di formare le figure che vengono proposte in alto a destra. Ovviamente il tempo è pochissimo e altrettanto scarsa sarà la prontezza degli altri quadratini a collaborare. Poi c’è il mistero del solito individuo che si ferma a rilassarsi a un passo dalla figura complessissima di cui LUI è l’unico tassello mancante. Mi innervosisco anche solo a scriverlo.

Swarmation è un bel giochino, forte della sua semplicità, ma ci sono dei ma: l’ultima volta che ci ho giocato (ieri sera) erano connesse solo 9 persone. Ci si gioca e ci si arrabbia comunque, ma mai come potrebbe succedere nella situazione mostrata nell’immagine di apertura. Per un’esperienza del genere occorre diffondere il più possibile e magari darsi appuntamento in molti. Ci sono poi un paio di difetti dovuti al fatto che è un gioco nato da poco (comunque in continuo upgrade): ancora non è visibile una classifica dei punteggi che può essere divertente scalare e a volte le figure formate non vengono riconosciute come valide. Io come sempre perdono tutti e aspetto aggiornamenti.

Vuoi condividere questo articolo?

Ci sono 2 commenti

  1. Oh tutto bellino, ma dopo 20 min di wait uno si rompe anche il :D

    scritto da Gabriele il 20 settembre 2010 alle 18:50

  2. a me ha sempre fatto aspettare al massimo mezzo minuto, magari sei capitato in un momento in cui non c'erano giocatori.

    scritto da Simone il 20 settembre 2010 alle 19:15

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS