Articoli principali

27 luglio 2010

Sopravvivere all’attesa, manuale per giovani coppie

Il libro che vi sto per consigliare l’hanno scritto due miei amici, Arnaldo e Arianna, e questo può ovviamente significare che a) io ne sia stato influenzato durante la lettura e che b) io ne sia influenzato nel consigliarvelo. Entrambe cose probabilmente vere, ma nonostante questo posso mettere una manina sul cuore e dirvi che è bello. È una specie di saggio romanzato scritto a due mani che si legge in un giorno e mezzo (esperienza personale) sui nove mesi che precedono il parto. È interessante un po’ per chiunque: se siete gente che vuole avere figli è possibile che alla fine del libro ne chiediate uno al primo sconosciuto che passa, se siete gente che non vuole averne (per ora, chiaro, per ora) troverete sia delle ottime argomentazioni per continuare sulla vostra strada sia ottime argomentazioni per cambiare idea. Solo, forse, se siete gente che ha già avuto un bambino, potrebbe interessarvi meno.

In particolare, sono due i ricordi più intensi e interessanti che il libro vi lascia: l’impegno costante, assiduo e tout court dello stato italiano in tutte le sue forme di ostacolare la nascita del figlio di una coppia di giovani precari (la parola è quella, è brutta ma è quella) e la forza genuina e leggera con cui quella stessa coppia contrasta le difficoltà di cui sopra. C’è un capitoletto su quanto sia giusto che a volte certe cose siano faticose che vale il trenta per cento dell’acquisto (che comunque non mi sembra poco, per due pagine su duecento e un po’).

La frase in quarta di copertina funziona con quasi tutti, compreso me, quindi eccovela:

Ora che ho comprato i poster di Federer e di Maradona per la futura cameretta di Arturo, posso considerare esaurito il mio compito di papà. Sì, è vero, ci sarà qualche cazziata da fare, e qualche banconota da scucire il venerdì sera, ma il grosso è inequivocabilmente fatto.

Il libro lo comprate qui disponibile per la spedizione in 1 giorno lavorativo, costa 14 euro, è edito da Fandango, gli autori sono Arianna Giorgia Bonazzi e Arnaldo Greco e se siete una coppia (o anche un’unicità, chiaro) che sta aspettando un bambino, vale il soddisfatti o rimborsati. Da me. Cioè vi ridò io i soldi. Giuro. (A parte Stefano ed Elena, a cui lo regalerò io direttamente).

Vuoi condividere questo articolo?

Ci sono 3 commenti

  1. [...] Si parla di noi Qui. [...]

    pingback dal sito Si parla di noi « Sopravvivere all'attesa il 27 luglio 2010 alle 15:49

  2. [...] Come la mortadella in mano a Gianfranco Funari Di arnaldogr Personal Report [...]

    pingback dal sito Come la mortadella in mano a Gianfranco Funari « Arnaldo Gr il 27 luglio 2010 alle 16:29

  3. ehi grazie! :)

    scritto da stefano il 2 agosto 2010 alle 08:51

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS