Articoli principali

16 luglio 2010

Louie

Louis C.K. è uno dei nuovi (si fa per dire) comici americani migliori che ci siano in giro. Fa principalmente stand-up comedy, e la sua prima sit-com, Lucky Louie, è stata purtroppo interrotta alla fine della prima stagione, non a causa degli ascolti ma della freddezza con cui è stato accolto dalla critica. Ora, però, Louis C.K. — soprannome di Louis Szekley, che si è scelto da ragazzo nella speranza che la gente imparasse a pronunciare bene il suo cognome — è tornato con un’altra serie su FX, Louie.

La storia racconta le vicende tendenzialmente imbarazzanti di un comico di professione, di nome Louis C.K, divorziato e con due figlie. In caso abbiate dubbi sull’argomento della serie, Louis C.K. (quello reale) è divorziato con due figlie. La comicità è quella con cui si è fatto conoscere, incentrata sul grottesco e lo squallido che esistono nella nostra vita quotidiana. Si alternano scene della vita di Louis con brevi monologhi in un locale da cabaret; io ho visto i primi due episodi, il primo così così, mentre il secondo andava decisamente migliorando. Specialmente il prologo, prima della sigla, un piccolo capolavoro volgare su tematiche gay che lascia ben sperare per il futuro della serie. E sapete cosa dovete fare per guardarvi le puntate, sottotitolate in un italiano così così? Semplicemente cliccare sul grosso pulsante rosso qui sotto. Sono le puntate su Megavideo, durano una ventina di minuti l’una, quindi dovreste riuscire a vederle entrambe senza problemi. Più facile di così.

Vuoi condividere questo articolo?

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS