Articoli principali

16 giugno 2010

Un’opera d’arte generativa che non ha bisogno di un computer


Nel suo progettoTree Art, l’artista inglese Tim Knowles, realizza disegni generativi legando pennarelli ai rami di un albero. Con l’oscillare dei rami dovuto al vento le punte disegnano forme astratte su una grande tela sottostante. Rendendo il processo continuo di produzione più rilevante del risultato formale, il progetto di Knowles si inserisce all’interno di quella che oggi è definita arte generativa.

”Generative Art refers to any art practice where the artist uses a system, such as a set of natural language rules, a computer program, a machine, or other procedural invention, which is set into motion with some degree of autonomy contributing to or resulting in a completed work of art. [...] Generative Art is uncoupled from any particular technology. Generative Art may or may not be high-tech.

Le parole di Philip Galanter offrono una definizione precisa e consapevole del fenomeno e sottolineano come, nonostante oggi la maggior parte dei lavori generativi siano legati ad un uso intenso di tecnologie informatiche, ci sia (e ci sia stato) grande spazio per opere che sperimentano quest’area di ricerca senza essere per forza tecnologicamente avanzate. — Via

Vuoi condividere questo articolo?

Ci sono 2 commenti

  1. è così suggestiva quella tela con lo sfondo del mare.....la presenza assenza della mano umana e della mente dell'artista evoca mondi non controllabili....fantastico!

    scritto da mariadele il 16 giugno 2010 alle 14:54

  2. [...] - Artist - London - UK L'uomo che imprigiona l'arte degli alberi e della luna - Il Sole 24 ORE Un’opera d’arte generativa che non ha bisogno di un computer | Personal Report document.getElementById('pbitcusti3152997').onload = function() { [...]

    pingback dal sito Tim Knowles, l'arte degli alberi il 13 giugno 2012 alle 13:00

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS