Articoli principali

28 aprile 2010

SALEM

SALEM

Avrei sempre voluto parlarvi di loro, poi dal momento che sono un po’ una mia fissa, mi trovavo di volta in volta a rimandare, pensando che lo avrei fatto la volta successiva.

Ieri pomeriggio, capitando nel news feed di The FADER ho trovato questo fantastico mix curato dai magnifici SALEM, formalmente un trio, ma in realtà si tratta di una collaborazione tra tre persone, John Holland-Heather Marlatt-Jack Donoghue, che vivono tra Detroit, New York e Chicago spedendosi il materiale per e-mail e lavorandci a distanza.

Il risultato di questo scambio di idee sono musiche tra le più belle, interessanti e in un certo modo, innovative (se si può ancora dire) degli ultimi due anni. Niente di extraterrestre, solo una giusta miscela di inventiva, caparbietà e “spirito del tempo”, inteso come senso della contemporaneità che stiamo vivendo.

Ascoltatevi il mix, con un’atmosfera che potrebbe essere la colonna sonora ideale di un frullato tra tutti i film di David Lynch. Oppure fatevi un giretto sul loro sito, ci sono una manciata di canzoni da ascoltare,  cercate “s4lem” su Google Video per trovare tutti i video che hanno a che fare con il loro immaginario, o curati da qualcuno della band; e se per finire volete approfondire un po’ c’è questo articolo (un pdf da scaricare) che Rolling Stone italiano aveva dedicato al gruppo l’anno scorso in occasione dell’esibizione al festival elettronico Dissonanze.

Vuoi condividere questo articolo?

Ci sono 1 commenti

  1. [...] e Deerhunter, riscoprire classici come i Love, e scoprire gente come i lynchiani (vedi sopra) SALEM, gli italiani Young Wrists, i due Tennis. Poi ci è piaciuto rivalutare i Belle and Sebastian, e [...]

    pingback dal sito Buon anno, con il meglio di Personal Report del 2010 | Personal Report il 31 dicembre 2010 alle 03:15

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS