Articoli principali

25 febbraio 2010

Lorenzo Busato

hirstSono davvero contenta di aver inserito un titolo in italiano!

Lorenzo è giovane, e laureando in Design della Moda a Treviso. Inizia il corso un po’ per caso e un po’ per sfida, e si accorge che di casuale non c’è proprio niente. Appassionato di moda uomo, tra i suoi preferiti ci sono Heidi Slimane e Gareth Pugh. Niente da dire, si vede.

For the love of God è la collezione che ha disegnato per l’ultimo corso di progettazione: ci parla degli Ainu e di Damien Hirst. Ora, basta avere in mente un paio di opere dell’artista (tipo questa, questa o anche questa) per capire di cosa parlo: i colori, le forme e anche le location dei suoi scatti ci lanciano istantaneamente nel mondo del signor Hirst.

Le grafiche essenziali e simboliche, il sezionamento degli elementi, la specularità ossessiva, ricorrenti nel lavoro dell’artista di Bristol, vengono reinterpretati per creare abiti dalle forme monumentali, quasi opere architettoniche realizzati in lurex, pelle, cotone e tovaglie in PVC.

Io non aggiungo altro, se non un bravo davvero, e un mi sa che ne sentiremo parlare.

Vuoi condividere questo articolo?

Ci sono 1 commenti

  1. Oh! Partendo dal presupposto che Hirst credo sia uno degli artisti maggiormente sopravvalutati nel campo dell'arte e dell'uso concettuale dell'arte, sono FELICE che Lorenzo Busato sia riuscito a tirarne fuori qualcosa di BUONISSIMO. La maglietta che riprende "the virgin mother" è una cosa BELLA.

    scritto da Erica il 25 febbraio 2010 alle 11:01

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS