Articoli principali

22 febbraio 2010

Chroma everywhere

Scoprire che il green screen viene utilizzato in modo massiccio non solo per film “alla Sin City” mi ha dato una leggera vertigine: su Boingboing ho trovato il video che vedete qui sopra in cui viene mostrato quanto si ricorra a questa tecnica anche in produzioni apparentemente a basso contenuto di effetti speciali e in scene insospettabili. Come potrete intuire, il green screen permette un enorme risparmio sugli spostamenti e sull’organizzazione di set in location “reali” ed è l’ideale per le produzioni che non dispongono di grandi budget. Quindi se Hiro non si è teletrasportato davvero a Times Square cercate di farvene una ragione, vi hanno fregato per il vostro bene.

Qui Simon Coughlan ha raccolto altri reel di studi di effetti speciali in cui viene mostrato come è stato utilizzato il green screen in alcuni film e serie tv molto popolari. Se volete rovinarvi per sempre il ricordo del finale della terza stagione di Lost vi basta andare qui. Io adesso vedo solo tristi teli verdini.

Vuoi condividere questo articolo?

Ci sono 1 commenti

  1. si! questi reel gasano proprio.

    scritto da Luca D.M. il 23 febbraio 2010 alle 12:42

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS