Articoli principali

3 novembre 2009

Krysař di Jiří Barta

KrysarSe Jan Svankmajer si è giustamente guadagnato il ruolo di star assoluta di quell’universo che in maniera superficiale potremmo definire stop motion inquietante, diventando quindi sia discretamente famoso sia uno dei migliori riferimenti che un indie possa usare per affermare la propria superiorità culturale sulle masse incolte, è un peccato che una sorte nemmeno lontanamente simile non sia toccata a Jiří Barta, cecoslovacco anch’egli, e al suo capolovoro Krysař.

Cronologicamente successivo, a differenza di Svankmajer Barta ha usato come materia il legno e come immaginario l’espressionismo tedesco anni ’20 intriso di un sacco di roba gotica. Krysař, mediometraggio di circa 50 minuti dell’85, si occupa di illustrare la spregevolezza dell’essere umano adoratore dei beni materiali, e lo fa coverizzando Il pifferaio di Hamelin, ovvero Il pifferaio magico, ovvero quella favola tradizionale tedesca con il pifferaio che suona il piffero e i topi e i bambini che lo seguono, resa celebre dalla versione dei fratelli Grimm.

Ho incontrato questo film per caso, grazie alla segnalazione di Siberian Principle, utente del forum di questo sito, e devo dire di essere rimasto abbastanza impressionato dalle atmosfere che riesce a creare attraverso volti, architetture e musiche composte alternando flauti a suoni metallici ed elettronici da classico sinth anni ’80. Rispetto alla storia del Pifferaio magico così come la conosciamo Barta ha applicato modifiche sostanziali, virando tutto sulla identificazione degli uomini nei topi, fino a cambiarne il finale, che ovviamente non vi anticipo.

Poco dopo aver terminato questo film, Barta non poté produrre più nulla per 15 anni a causa della caduta del governo comunista in Cecoslovacchia; riprese a girare negli anni ’90 non riuscendo però a terminare il suo nuovo lungometraggio, Golem, di cui possiamo vedere solo una specie di pilota. È finalmente uscito quest’anno il suo ultimo lavoro, In the Attic or Who Has a Birthday Today?, un film per bambini che di discosta dall’immaginario di Krysař e di cui, per quanto ho capito, esiste solo la versione in ceco.

Dopo questa breve nota biografica vi lascio quindi alla prima delle sei parti di Krysař che un gentilissimo utente di Youtube ha uploadato per noi. Se vi va, fatevi un favore e non cliccate sul play ora, rischiereste di rovinarvi l’immersione nel mondo di Barta guardandolo distrattamente, con un occhio alle altre quattro finestre di Firefox che tenete aperte lì sopra. Ah, e se vi preoccupate perché non capite la lingua dei personaggi del film e temete vi abbia consigliato un film in ceco senza sottotitoli, tranquilli, è solo un esempio di gibberish o, detto in altre parole, le parole che sentite sono solo suoni senza senso.




Piccolo contenuto speciale che c’entra mica tanto

Se dopo la visione di Krysař vi sentite moralmente affaticati e avete voglia di scrivermi maledicendomi perché oggi avevate solo voglia di affrontare la giornata col sorriso e non d’essere angosciati da roba dark che vuole farvi riflettere sulla vostra inclinazione al consumismo, vi butto qua sotto la Silly Symphony del Pifferaio Magico, uno dei cortometraggi anni ’30 della Walt Disney dedicati alle favole più famose. E poi non dite che non penso a voi.

Vuoi condividere questo articolo?

Ci sono 1 commenti

  1. ...e siccome oggi è un giornata tremendamente uggiosa sono andata direttamente a Silly Simphony e mi sono assai rallegrata!!....Krysal lo guarderò domani.....:)

    scritto da mad il 3 novembre 2009 alle 16:05

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS