Articoli principali

22 ottobre 2009

BEST WEIRD

GRAMMYS WINNERS

“Weird Al” Yankovich è l’ennesimo esempio di personaggio classico nel resto del mondo e in qualche modo ancora sconosciuto in Italia (anche se poi sotto sotto tutti lo conoscono già, non ho mai capito). È uno che ha vinto tre Grammy, quattro dischi d’oro, tre dischi di platino e ha trent’anni di carriera alle spalle. La sua specialità, e forse unica attività, sono canzoni umoristiche composte in base a questo criterio: lasciare la base musicale il più simile all’originale cambiando il testo in modo che crei il massimo contrasto, o anche scimmiottare lo stile delle parole e basta, o polkizzare medley di canzoni che non c’entrano niente l’una con l’altra – insomma, le ha provate un po’ tutte.

Un suo brano classico è Fat, parodia di Bad di Michael Jackson del 1988. Un successo recente (è arrivato al nono posto nella billboard nel 2006) è White & Nerdy. Una chicca è Bob, una parodia di Subterranean Homesick Blues di Bob Dylan cantata tutta in palindromi eppure in pieno stile dilaniano.

Ebbene, il 27 ottobre esce il suo nuovo best of, “The Essential Weird Al Yankovich”, un doppio CD (qui c’è la tracklist) con titoli come Like a Surgeon, It’s all about the Pentiums e Smells like Nirvana. È un ottimo modo di accostarsi al lavoro di questo grande artista. Un altro modo è continuare a vedere video su youtube ad nauseam.

Vuoi condividere questo articolo?

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS