Articoli principali

17 settembre 2009

Bored to death

Bored to deathBored to death è la nuova serie comedy della HBO in onda dal 20 settembre. Ho visto il pilota, e non è male: Jonathan Ames — interpretato da un mesto e dolce Jason Schwartzman, indimenticato protagonista di Rushmore di Wes Anderson — è uno scrittore in crisi da secondo romanzo, appena lasciato dalla sua ragazza a causa dei suoi eccessi d’erba e vino (bianco), che nel tentativo di distrarsi dai suoi problemi decide di fingersi investigatore privato ispirandosi a uno dei personaggi del suo scrittore preferito, Raymond Chandler.

Il creatore della serie è Jonathan Ames (che sì, ha dato il suo nome al protagonista), autore di romanzi e racconti ed editorialista del New York Press, che ha sviluppato l’idea partendo dal suo racconto omonimo pubblicato per McSweeney. Come sa chi guarda almeno tre serie tv contemporaneamente, a meno che non ci si trovi davanti a capolavori assoluti il pilota di una serie non è immediato da decifrare, impegnato com’è a costruire il set-up generale. Questo significa due cose: Bored to death non sarà la vostra prossima serie preferita, ma l’aurea da sfigato, per una volta non con radici nerd, di Ames e l’atmosfera da noir sbilenco potrebbero piacervi abbastanza per affezionarvici. Pare che Itasa abbia già in programma di sottotitolarla, quindi credo non rimanga altro che il trailer.

Vuoi condividere questo articolo?

Ci sono 1 commenti

  1. [...] è in onda anche in Italia sul canale FX di Sky, col deprecabile titolo Investigatore per noia. Leggi la nostra recensione. Pier Mauro | 5 marzo 2010 | [...]

    pingback dal sito Update: Bored to Death in onda su FX | Personal Report il 5 marzo 2010 alle 21:38

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS