Articoli principali

5 agosto 2009

#15 · P.S.1

ps1Il P.S.1 è un centro d’arte contemporanea partner del MoMA e io ci sono andato sabato per una festa. Perché ogni sabato d’estate, dalle 14 alle 21, i signori capi del P.S.1 chiamano band (ottima) e dj (strepitosi) e li fanno suonare nel cortile interno del museo. Il Warm Up — questo il nome del party — è stato nominato il miglior club del 2005  dai lettori di Time Out e uno dei 10 Hottest Beach Parties in the world dall’Observer. Questo cosa significa? Un’orda di giovani impazziti che ballano e ogni tanto, per cercare sollievo dal sudore, si prendono una pausa per entrare a vedere le temporanee del momento.

Fuori

Una band avant-pop, gli Stars Like Fleas, che consiglio anche se docilmente a tutti quelli che apprezzano gli articoli di Enrico, apre il concerto per la lista di dj che hanno preceduto la star della giornata, il pionere dell’house Chez Damier. Il dj di Chicago ha fatto ballare tutti con un’house sovrascritta da pezzi funk — cioè una musica bianca che incontra musica nera, un ritmo deciso e disimpegnato allo stesso momento.

Dentro

Il P.S.1 non è divertente solo fuori. All’entrata vieni accolto da una piccola crepa nel pavimento, circa 2 cm, che non vede in pratica nessuno — io l’ho notata solo perché Noelie e Adele ci stavano guardando dentro, ed era la terza volta che ci passavo —, con un minuscolo schermo con una minuscola ragazza che cerca di chiamarti. La seconda cosa che incontri è una piscina in cui sotto l’acqua vedi altre persone camminare — perché la stanza è divisa in due parti e con un’illusione ottica una lastra di plastica blocca l’acqua a soli venti centimetri dalla superficie. E così via.

Tra le diverse temporanee esposte in questo momento cito quella su Kenneth Anger, regista sperimentale a quanto pare anche parecchio famoso che io non conoscevo e di cui mi sono piaciute diverse cose. Per invogliarvi a conoscerlo posso dirvi che gente come Lynch e Scorsese l’hanno nominato come loro ispiratore. Anche se non è realmente indicativo sul suo genere di cinema, di solito più cupo, io posto qua sotto un cortometraggio che mi ha letteralmente ipnotizzato. Non me lo fanno embeddare, ma se volete la versione di Youtube ha una qualità migliore.

Vuoi condividere questo articolo?

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS