Articoli principali

28 luglio 2009

So we’ll go no more a-roving

Cose che in Italia non ce le immaginiamo nemmeno: la BBC è nel bel mezzo della Poetry Season, una lunga rassegna radio-televisiva dedicata ai classici della poesia inglese. Per avvicinare i ragazzi al tema ha deciso di fare un uso intelligente dei testimonial: il viral che vedete qui sopra è stato commissionato a Corin Hardy, regista della Academy Films, e quelli che si scatenano al ralenti sul palco sono i King Blues, una punk band inglese. Il frontman Johnny “Itch” Fox recita So we’ll go no more a-roving, un classico del 1817 di Lord Byron (qui testo e traduzione). L’abbinamento con il genere musicale, che di primo acchito può sembrare gratuito, in realtà è azzeccato: Byron ebbe uno stile di vita decisamente fuori dagli schemi, tanto che fu esiliato dalla Gran Bretagna e venne descritto dall’amante come un uomo “pazzo, cattivo e pericoloso da conoscere”.

I risultati non si sono fatti attendere: le vendite dei libri di poesia sono aumentate di parecchio. Un miracolo? Non proprio, si tratta di quello che una televisione pubblica normale in un paese normale dovrebbe fare (e la BBC lo fa particolarmente bene: abbiamo già parlato della bella serie di documentari Planet Earth) ma ai miei occhi di italiano assuefatto al duopolio malato Rai-Mediaset sembrano cose dell’altro mondo. La BBC è semplicemente una televisione pubblica che fa la televisione pubblica: vive solo del canone e della vendita dei suoi programmi sul mercato rifiutando ogni tipo di pubblicità.

Questo modello le permette di essere totalmente indipendente da interessi economici e pressioni di qualsiasi tipo e di concentrarsi sulla produzione e sulla sperimentazione di trasmissioni culturali (tra l’altro seguitissime) di altissima qualità basate sui cosiddetti public values. Una tv, insomma, che cerca l’attenzione del cittadino per farlo crescere, non per ingrassare l’inserzionista. Ok, continuiamo a sognare. — Via VSL.

Vuoi condividere questo articolo?

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS