Articoli principali

24 giugno 2009

I Love Radio Rock

i-love-radio-rockLa trama

1966: la storia di Radio Rock — ispirata alla storia vera di Radio Caroline —, radio pirata che trasmetteva da una barca in acque internazionali al largo d’Inghilterra. Con una serie di attori che boh: Philip Seymour Hoffman, Kenneth Branagh, Bill Nighty, Nick Frost, Chris O’Dowd (IT Crowd!), Katherine Parkinson (IT Crowd!), Rhys Eifans, January Jones (Mad Men!), ecc ecc.


Gente a cui è piaciuto

Eh, c’è poco da fare: da Hendrix a Mollica, e tutto quello che c’è in mezzo, cioè anche voi

 

È simile

Un viaggio in macchina con tre amici; l’ultimo giorno di scuola; una bottiglia d’acqua dopo che hai giocato a calcetto (o dopo gli sport che fanno le donne, non lo so)

 

In che situazione l’ho visto (così capite se fidarvi o meno)
Al cinema qualche giorno fa, da solo.

 
In che situazione vi consiglio di vederlo
Lingua originale! Lingua originale! Ho visto qualche scena in inglese e non vedo l’ora di riguardarlo così

 

Coefficiente (Utile? Boh) che Rappresenta l’Impegno Cerebrale — CUBRIC

Vuoi condividere questo articolo?

Ci sono 5 commenti

  1. a me è parso parecchio sconclusionato, specialmente l'inizio vanziniano. e poi c'è troppo autocompiacimento, nel senso: il regista è convinto che basta mettere questi matti che fanno i matti davanti alla telecamera e ne uscirà sicuramente qualcosa. penso che metà del film lo passi a vederli fare balli scemi. e quindi?

    scritto da giampelmo il 24 giugno 2009 alle 19:00

  2. e quindi a me vedere loro che facevano i balli scemi faceva proprio allegria, credo sia questo

    scritto da Pier Mauro il 24 giugno 2009 alle 19:02

  3. (poi: sconclusionato e autocompiaciuto lo è e tanto)

    scritto da Pier Mauro il 24 giugno 2009 alle 19:03

  4. cmq P. S. Hoffman con la barba è uguale a Pannofino biondo (o viceversa) e non è solo un effetto della voce.

    scritto da giampelmo il 25 giugno 2009 alle 11:21

  5. Mi ha fatto discretamente cagare. Autocompiaciuto, retorica rock da due soldi alla Jack Black, lunghissimo, trama ridicola, mavvia... si salvano solo i personaggi Bowiani con le giacchettine militari.

    scritto da Gabriele il 14 settembre 2009 alle 01:31

Lascia un nuovo commento


Materiale fotografico e immagini, salvo dove diversamente indicato, è da intendersi di proprietà degli autori citati.
Progetto grafico e sviluppo a cura di Guido Tamino. Un grazie a WP.


Chi siamo | Contatti | Feed RSS